Autorita' portuale di Gioia TauroEnglish Italiano

Lingua

L’infrastruttura portuale inclusiva dello specchio acqueo, si estende su una superficie complessiva di circa 1.300.000 metri quadrati e si articola in un bacino di evoluzione, 7 banchine e 2 darsene disposte in parallelo secondo la linea di costa.
La "darsena est – di levante" è larga circa 180 metri ed è racchiusa dalle banchine 1, 2 e 3. La "darsena ovest di ponente" è larga circa 180 metri ed è racchiusa dalle banchine 5, 6 e 7.
 

La notevole ampiezza dell’avamporto assicura rifugio, in caso di maltempo, e consente un atterraggio rapido e diretto, nonchè di evoluire di circa 90/110° per guadagnare la mezzeria della "darsena est – di levante" e dirigersi in banchina 1/2/3 con un agevole ormeggio.
Le caratteristiche tecnico – dimensionali del porto sono:
larghezza imboccatura: 185 metri; bacino di evoluzione: diametro operativo 600 metri circa; larghezza seconda imboccatura (di separazione del bacino di evoluzione dalle darsene e delimitata dal pennello interno – in testata banchina 1 – e dalla massicciata antistante la stazione marittima): 200 metri;
banchina 1 (banchina est): lunghezza 750 metri destinata all’ormeggio di navi da carico in operazioni commerciali. L’andamento della banchina non è rettilineo per tutta la sua lunghezza: vi è un primo tratto lungo 700 metri misurati dalla radice ed un secondo tratto lungo 50 metri che, in prosecuzione, si congiunge con il pennello interno. Le bitte sono posizionate ad intervalli di 25 metri;
banchina n. 2: lunghezza 180 metri di cui 35 metri interessati da uno scivolo, adibito all’eventuale ormeggio di traghetti e navi ro-ro, posizionato nei pressi della radice banchina 1. Sulla banchina trovano collocazione n.9 bitte di cui n.3 dedicate allo scivolo;
banchina 3: lunghezza 420 metri lungo i quali sono posizionate n. 16 bitte;
banchina 4: lunghezza 180 metri lungo i quali sono posizionate n. 7 bitte;
banchina 5: lunghezza 420 metri di cui 100 metri destinati al naviglio di Stato. Sulla banchina sono collocate n.20 bitte, di cui n.6 nell’area riservata al naviglio di Stato;
banchina 6: lunghezza 70 metri destinata al naviglio di Stato. Sulla banchina trovano collocazione n.7 bitte;
banchina 7 (banchina ovest): lunghezza 450 metri lungo i quali sono posizionate n.28 bitte.

 

Tutte le banchine sono alte circa 3 metri sul livello del mare, tranne la banchina 5 (nei primi 100 metri misurati dalla radice), la 6 e la 7 che sono alte circa 1 metro e mezzo sul livello del mare.
La superficie dei piazzali operativi è la seguente:
160.000 metri quadrati, retrostanti la banchina 1 (banchina est); 76.000 metri quadrati racchiusi tra le banchine 3, 4 e 5; 55.000 metri quadrati retrostanti la banchina 2, il piazzale racchiuso tra le banchine 3, 4 e 5 e la banchina n. 6 e delimitati lato sud dalla recinzione portuale; 10.000 metri quadrati retrostanti la banchina 7 (banchina ovest);

I fondali sono all’incirca i seguenti:
imboccatura porto: metri 12; bacino di evoluzione: metri 12; darsena 1 (darsena est - levante): metri 12; darsena 2 (darsena ovest - ponente): metri 7. 

 

Risulta un’utilizzazione consolidata nel tempo delle banchine che, di massima, ha visto e vede tuttora:
nella banchina 1, l’ormeggio delle navi mercantili da traffico;

nella banchina 4, l’ormeggio delle tonnare ed occasionalmente di quelle navi (es. oceanografiche) da sottoporre a visite tecniche (il periodo medio di sosta è stato di 40 giorni);
nelle rimanenti banchine, l’ormeggio di unità da pesca, traffico locale, diporto nonchè delle unità navali dello Stato nell’ultimo tratto della banchina 5 e nella banchina 6.