Martedì prossimo sarà individuato l’operatore che gestirà il punto di primo intervento sanitario in porto dall’apposita commissione di gara ad evidenza pubblica.


13 Aprile 2018

Come da iter amministrativo già avviato dall’Autorità portuale di Gioia Tauro, la commissione di gara, preposta ad individuare l’operatore che gestirà il punto di primo intervento medico-sanitario all’interno del porto, si riunirà il prossimo martedì.

Riconosciuto, infatti, l’interesse primario di tutela della salute dei lavoratori portuali, l’Ente, guidato dal Commissario Straordinario Andrea Agostinelli, ha deciso di riattivare il presidio medico, visto anche il rilevante numero di accessi, nonostante questa specifica attività non rientrasse tra quelle di propria competenza, ma ritenendola comunque di primaria importanza per l’intero territorio.

Per farlo, naturalmente, ha adottato la modalità selettiva di evidenza pubblica al fine di individuare l’operatore economico a cui affidarne la gestione, assumendosi altresì l’onere finanziario di sostenere totalmente le spese del servizio. Considerata, infatti, la mancata partecipazione degli operatori portuali privati che dovrebbero, invece, in base alla vigente normativa di settore, garantirne l’attività, ha deciso di assicurare la tutela della salute dei lavoratori portuali coprendo, pienamente, i relativi costi.  

L’Ente ha, così, posto fine, in modo concreto, ad vicenda che, negli anni, ha avuto fasi di alterna attività. Dopo, infatti, la consegna, da parte della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro, nel 2003, di una porzione di edificio demaniale marittimo, in forma gratuita, alla Regione Calabria – Asl n°10 di Palmi per permettere l’attivazione di una postazione di guardia medica interna al porto, nel 2007 l’attività è stata sospesa con la riconsegna dell’edificio alla Capitaneria di Porto.

Su invito del cluster marittimo pienamente accolto dall’Ente, l’Autorità portuale, per garantire la continuità operativa del servizio di pronto intervento in porto, ha patrocinato l’attività contribuendo alle spese che in parte venivano coperte dalle aziende terminaliste portuali.

Dal 2010, però, vista la totale assenza di partecipazione dei terminalisti, l’onere di spesa è passato interamente all’Autorità portuale che ha voluto, comunque, garantire la tutela della salute dei lavoratori, perché ritenuta di opportuno e  primario interesse pubblico.

Dopo, quindi, una prima fase in cui il servizio è stato gestito da un’associazione senza fine di lucro, in base a quanto stabilito dalla normativa vigente in materia, l’Ente ha avviato la procedura selettiva di evidenza pubblica che il prossimo martedì vedrà un’apposita commissione aggiudicatrice individuare l’operatore economico che gestirà il servizio in base a criteri di rotazione e par condicio.

Per garantire la sua piena operatività, l’Autorità portuale metterà a disposizione una porzione di fabbricato demaniale marittimo dove sarà esercitata l’attività di pronto soccorso in forma continuativa, nelle 24 ore, per ogni giorno lavorativo, garantendo, altresì, il trasporto in autoambulanza dotata di defibrillatore automatico, infermiere professionale e medico. L’affidamento avrà una durata di tre anni.

 

Dott.ssa Concetta Schiariti

Giornalista
Responsabile Comunicazione – Promozione – Marketing – Relazioni esterne

Autorità portuale di Gioia Tauro
Contrada Lamia
89013 Gioia Tauro (RC)
Tel. +39.0966.588650 – Cell. +39.334.6162257 - +39.347.2989533 - Fax +39.0966.588617
Mail.
comunicazione@portodigioiatauro.it


Visualizza archivio